Home Altri Sport Roberto Cavallone, passione CrossFit

Roberto Cavallone, passione CrossFit

Passione, dedizione e carisma, costruzione di successi e di una community sportiva atleticamente forte. Roberto Cavallone, volto di un CrossFit in forte sviluppo e di un atleta socialmente attivo.

Ciao Roberto, quando è cominciata questa passione che è diventata poi il tuo lavoro?

Ho cominciato ad allenarmi con la metodologia Crossfit a fine 2010,in preparazione all’europeo di Brazilian Jiu Jitsu, sport nel quale gareggiavo in quegli anni.
Col tempo la passione è cresciuta e progressivamente ho incrementato gli allenamenti di CrossFit riducendo quelli di Bjj, fino a far diventare il CrossFit la mia attività primaria. 

Greg Glassman, fondatore di CrossFit.inc, nella sua biografia, descrive questa disciplina come un mezzo per combattere sedentarietà e cibo spazzatura, è anche questa filosofia alla basa dei tuoi insegnamenti?

Nel mio caso specifico, come atleta, pratico questa disciplina a fini agonistici ma sono assolutamente d’accordo con il fondatore della disciplina quindi ritengo il CrossFit un ottimo modo per combattere sedentarietà e sindrome metabolica ad esempio.

Quanto è importante confrontarti e comunicare con la tua community sportiva e quali social ti restituiscono più engagements?

La comunicazione con i ‘followers’ e con la comunità che pratica la disciplina, ritengo sia fondamentale anche se tendo a separare le due cose.

Per comunicare con i Followers uso canali social, primariamente Instagram e subito dopo Facebook. Con la mia community comunico invece in maniera diretta.

Qual è il tuo rapporto con gli sponsor e come li scegli?

Per uno sportivo impegnato costantemente negli allenamenti, il supporto degli sponsor ritengo sia fondamentale.

Ho la fortuna di essere supportato da BioTech USA nel Campo integrativo e da Stamina Fitness nel Campo degli accessori e abbigliamento specifico.

Avendo la fortuna di essere contattato da diversi sponsor, scelgo quelli che ritengo possano darmi il miglior supporto e rappresentino la migliore qualità nei rispettivi campi.

Il  CrossFit si sta sviluppando sempre più in Italia, credi si assisterà ad un ulteriore incrementato della disciplina?

Da 10 anni a questa parte, la crescita del CrossFit è stata esponenziale e questa crescita non si è ancora arrestata ne tantomeno rallentata. Io credo che margini di crescita siano ancora elevati, essendo la disciplina ancora poco conosciuta dalla stragrande maggioranza della popolazione sportiva.

Grazie Roberto per averci concesso questa intervista,  vogliamo chiudere questo articolo complimentandoci per il tuo impegno costante e la passione che ci metti nel tuo lavoro, diventato oggi l’affermato “Metodo Cavalloni”. Buona vita! 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest articles

Champagne for my players!

Perché dovremmo tifare Gravina? Di certo avrebbero potuto ridimensionare le pretese di vittoria, se al tifoso prometti risultati positivi, in qualche modo dovrai pur farlo! Magari...

Quelle scarpe antinfortunistiche che mi hanno portato in Grecia

Classe 1963, messo in minoranza in casa perché padre di tre magnifiche figlie e una bellissima moglie, a chiudere un quartetto tutto rosa. Michele...

Casareale Volley, nel segno di Incampo!

Un disteso Casareale Volley mette la “quarta” al Polivalente. I ragazzi della Trivianum si presentano a Gravina determinati ed euforici, al cospetto degli avversari casalinghi...

Huawei VeniceMarathon , ci siamo!

Dall’86 al 2018 dalla bissata doppietta di Bettiol alla vittoria rocambolesca dello scorso anno di Eyob Faniel.Già perché di rocambolesco c’è di fatto che...