Alex Schwazer: Il Viaggio dell’Eroe e se Ferrero avesse sbagliato?

L’8 Agosto 2012 Alex Schwazer, confessava in lacrime per la prima volta di aver fatto uso di doping.

Ora immaginatevi la faccia degli sponsor, tra tutti il reparto marketing della Ferrero.

Già dopo settimane, notte insonni e strategie di comunicazioni cucite su quell’atleta che con tanta attenzione avevano scelto, lui li ripaga in quel modo!

Al termine della vicenda però, due dei 3 sponsor che affiancavano il marciatore italiano, hanno deciso di restargli accanto.

Garmin e Despar, erano ben consci che Alex l’avesse fatta grossa, ma non hanno deciso di mollarlo.

Ci hanno visto lungo, qualche giorno fa infatti, il caso Schwazer è stato riaperto. La concentrazione di DNA, all’interno delle urine analizzate, era per tre volte superiore al flacone non preso in considerazione. Pompare quelle urine del DNA dell’atleta per escluderlo per sempre?

Questo cosa vuol dire?

Che se la squalifica dovesse essere sospesa, per Alex inizierebbe il Viaggio dell’Eroe verso le olimpiadi del 2020!

 

 

 

 

 

 

 

E quali brand starebbero al suo fianco ed otterrebbero alta visibilità allora?

Quelli della Ferrero, hanno davvero fatto bene a chiudere i rapporti con Schwazer? In fondo l’azienda, impronta gran parte della sua comunicazione sulla famiglia e si sa, quando un componente della stessa sbaglia o cade, la Famiglia è accanto pronta a farti ricominciare.

Con o senza Ferrero, Alex si è rialzato e l’olimpiade non è più soltanto un miraggio.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Rubén Sánchez, ha reso la finale di champions un’opera d’arte